Raccolta differenziata, e i benefici per i cittadini di Cassino?

Raccolta differenziata, e i benefici per i cittadini di Cassino?

Raccolta differenziata, e i benefici per i cittadini di Cassino?

Il meetup Movimento per Cassino a 5 Stelle è stato e sarà sempre a favore di una raccolta differenziata VIRTUOSA. Per essere virtuosa deve avere benefici ecologici ed economici, questi ultimi sia per le casse comunali che per quelle dei cittadini.
Benefici ecologici perché riciclando i materiali si risparmia energia elettrica (la cui produzione produce spesso inquinamento atmosferico), si riduce il materiale indifferenziato che viene incenerito e, e nel caso del riciclo della carta si contrasta la deforestazione. Solo per fare un esempio: con il riciclo di 1.000 tonnellate di plastica (equivalente alla quantità di plastica consumata in una piccola città) si ottiene il risparmio di circa 3.500 tonnellate di petrolio, diminuendo sia l'inquinamento atmosferico che le risorse monetarie necessarie.

Dove sono i benefici economici

raccolta differenziata

Ma come abbiamo già detto, ci sono, anzi ci dovrebbero essere anche dei benefici economici. Sia per il comune, perché per esempio i comuni italiani hanno l’opportunità di consorziarsi con il Consorzio Nazionale Imballaggi (CONAI) e ricevere contributi economici per ogni tonnellata dei diversi materiali raccolti. Sia per i cittadini, che dovrebbero vedere l'importo delle loro bollette diminuire.

 

 

 

 

Per capire se si sta applicando una raccolta differenziata virtuosa, gli attivisti del meetup " Movimento per Cassino a 5 Stelle" si chiedono: a chi ha portato benefici economici la raccolta differenziata?
Sicuramente alla ditta incaricata alla raccolta dei rifiuti che sembra ottenere dal comune un compenso di circa un milione e duecentomila euro in più rispetto al precedente contratto (dovuto alla raccolta porta a porta), e che magari rivende a soggetti terzi.

Tanta fatica per nulla?

Di certo possiamo dire che i cittadini di Cassino, pur impegnandosi a selezione e conferire diligentemente i rifiuti, non hanno visto ridursi l’importo della TARSU e, come se non bastasse, si sono visti arrivare bollette più salate in quanto gravate di un ulteriore 10% per quota, da versare alle casse del governo centrale.
Al fine di avere una risposta a questa domanda e conoscere le condizioni contrattuali e l’iter dei rifiuti, abbiamo presentato diverse richieste agli amministratori comunali che ad oggi non hanno avuto riscontro alcuno.
Chiediamo un’incontro con gli amministratori, nel caso ritiri le dimissioni, con il sindaco, per avere delle delucidazioni e discutere insieme le criticità del servizio. Nel caso in cui, anche questa volta, ci venisse negato l'accesso ad informazioni riguardanti la nostra città, sarà evidente la mancanza di trasparenza nonché lo scarso impegno e la palese incapacità ad amministrare questa città.

Related Articles

Close
Close

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

Close

Close